Single NewsSingle News    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   Home
19.12.18 09:20 Età: 2 yrs

AUGURI

 

Anche il 2018 è terminato. 

 

Un anno per molti aspetti difficile soprattutto per i riflessi futuri. Parlo principalmente degli aspetti economici come la riduzione dei finanziamenti e i contributi di solidarietà che gli Istituti saranno chiamati a versare ed altre criticità di questo tipo che ovviamente preoccupano tutti noi. Un’altra criticità è il prolungarsi del processo di selezione del nuovo Direttore che di fatto indebolisce la capacità dell’Istituto di affrontare le criticità. 

 

Detto questo, il 2018 ha portato con sé anche una serie di novità positive. Penso che l’espressione che meglio le rappresenti sia "fare rete". 

 

Abbiamo finalmente siglato una convenzione di 4 anni con l’Istituto Ortopedico Rizzoli (IOR) di Bologna. Non voglio dire che sarà un percorso in discesa ma certamente questa è la base per costruire una nuova relazione scientifica con lo IOR. 

Abbiamo approfondito la nostra interazione con il nostro Partner naturale che è il Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia, la nostra seconda casa dopo il CNR. Partecipare all’iniziativa del nuovo centro grandi strumenti è sicuramente un’ulteriore opportunità che l’Università ci offre. Penso che ogni ricercatore dovrebbe mettere a frutto questa come altre opportunità che nascono dall'immersione nell'Università per immaginare nuove collaborazioni. 

Infine abbiamo stretto una relazione organica con IFOM, stabilendo una nostra Unità di ricerca, che in burocratese si chiama URT ovvero Unità di Ricerca presso Terzi. Anche questa una grandissima opportunità. 

 

Opportunità che ci ha portato in dote una serie di associati che hanno contributo a fare crescere il livello delle pubblicazioni. 

 

Quest'anno la sede di Pavia dell'Istituto ha prodotto 51 lavori con un Impact Factor medio di 7. Ben 14 di questi lavori sono degli associati non dipendenti CNR alla URT. E se consideriamo l’Istituto nel suo complesso arriviamo a 80 lavori e un IF medio di 6,2. Complimenti a tutti voi.

 

Infine anche quest'anno abbiamo avuto delle buone notizie sul fronte del personale. Penso a Giacomo Buscemi che è un nuovo ricercatore della sede di Pavia. Ma penso anche a Giovanni Maga che si è classificato primo nella selezione dei Dirigenti di Ricerca del CNR e che vede così premiato il suo impegno. Un grande e caldo augurio ad entrambi.

 

Prima di chiudere vorrei ringraziare tutti Voi per come siete riusciti ad interpretare questo anno difficile ma intenso. Tutti i ricercatori ovviamente. Ma anche tutti i tecnici e tecnologi. Tra questi un GRAZIE  speciale a quelli che ogni giorno mi hanno aiutato a dirigere l’istituto. Parlo delle persone che lavorano in Amministrazione e delle “ragazze” della Segreteria. 

 

In ultimo il mio augurio ai Giovani che popolano l’IGM e che, oltre a dare un contributo essenziale al successo dell’IGM, ci allietano costantemente con le loro iniziative e forza. Quest’anno è stato l’anno delle stabilizzazioni. Difficile che nel prossimo futuro si ripeta qualcosa di simile. Ma come tutti i direttori del CNR sono fiducioso che questo processo, per molti versi difficile, sia una buona occasione per fissare delle nuove regole che rispettino maggiormente le posizioni dei giovani. Su questo molto c’è da fare anche in Istituto.

 

BUON NATALE E FELICE 2019 

 



Copyright © 2014 Home