CenniCenni    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   HomePagine personaliCenni
Vittoria Cenni


 

Istituto di Genetica Molecolare - Sede di Bologna

c/o Istituto Ortopedico Rizzoli

Via di Barbiano 1/10

40136 Bologna

Telefono: +39 051 6366770

Fax: +39 051 583593

Email: vittoria.cennicnr.it

 

Istruzione:

1997: Laurea cum laude in Scienze Biologiche, indirizzo Biomolecolare, Universita’ di Bologna. Titolo della tesi: “Secondi Messaggeri Lipidici coinvolti nel Signaling Cellulare dell’Interleuchina 1”, supervisore Prof. M Melli. 

2003: Dottorato di Ricerca in “Citodifferenziamento Molecolare”, presso l’Universita’ di Bologna. Titolo della tesi: “Studio dei Meccanismi Molecolari nel Signaling dell’Interleuchina 1”, supervisori Proff. S Marmiroli e NM Maraldi.

 

Esperienze Professionali:

1996 – 1998: Studente frequentatore in biologia cellulare e molecolare nel Laboratorio di Biologia Cellulare del Prof. NM Maraldi, presso lo IOR/CNR;

1998 – 1999: Borsa di studio presso il laboratorio di “Signal Transduction” del Prof. A Toker, PhD, Harvard Medical School Cambridge, MA, USA; 

1999 – 2003: Dottorato di ricerca nel Laboratorio di Biologia Cellulare del Prof. NM Maraldi presso lo IOR/CNR;

2003 – 2004: Post Doc nel Laboratorio di Biologia Cellulare del Prof. NM Maraldi presso lo IOR/CNR;

2004 – 2006: Post Doc presso il CIPro (Centro Interdipartimentale di Proteomica) dei Proff. S Marmiroli e A de Pol, nel dipartimento di Anatomia ed Istologia dell’Universita’ di Modena e Reggio Emilia, Modena;

2007: Post Doc nel laboratorio di Biologia Cellulare del Prof. NM Maraldi, presso lo IOR/CNR;

2008 – ad oggi: Ricercatore a tempo indeterminate presso l’IGM (Istituto di Genetica Molecolare) – CNR, presso lo IOR, Bologna.

 

Competenze:

Biochimica delle Proteine: Immunoprecipitazione di proteine; elettroforesi mono e bidimensionale (iso-electro focusing); Western immunoblotting; marcatura di cellule in vivo con [32]P-ortofosfato; saggi d’attività enzimatica in vitro; marcatura di oligonucleotidi ed EMSA per lo studio delle interazioni tra DNA e proteine; saggio di attività trascrizionale attraverso l’uso di geni reporter (luciferasi e CAT); far Western Blotting (gel overlay); purificazione di proteine ricombinanti marcate con GST o 6xHIS prodotte in E. Coli ed in cellule d’insetto Sf9 attraverso la tecnica del baculovirus; pull-down per l’analisi delle interazioni proteina-proteina;

 

Immunostaining: Singola e doppia marcatura di cellule fissate su vetrino per studi di immunofluorescenza;
Biologia Molecolare: Trasformazione di cellule di E.Coli con plasmidi e successiva maxi o mini purificazione del cDNA; produzione di vettori di espressione eucariotica, procariotica e per baculovirus (attraverso il clonaggio mediato da PCR, l’inserimento del cDNA d’interesse attraverso ligazione); mutagenesi sito-specifica del cDNA; estrazione di RNA da cellule in coltura; RT-PCR; marcatura con [32]P-a UTP di cellule per la quantificazione della trascrizione in vivo;

 

Colture Cellulari: Coltura e mantenimento di molte linee cellulari aderenti ed in sospensione, tra cui: HEK293, COS, C2C12 (mioblasti e miotubi), 3T3-L1 (pre-adipociti e adipociti) Saos-2, U2-OS, MG-63; cellule d’insetto Sf9, CEM, cellule di Friend (o Felc). Allestimento di colture cellulari primarie a partire da prelievi bioptici per la realizzazione di fibroblasti e fibrocellule muscolari in coltura. Transfezione delle cellule attraverso liposomi, cristalli di fosfato di calcio ed elettroporazione col metodo AMAXA.


Ottime conoscenze nell’uso dei fogli di lavoro per PC più comuni (Microsoft Word, Excell, PowerPoint). Ottima esperienza nell’elaborazione delle immagini (Page Maker, Adobe Photoshop), grafici, analisi statistica dei dati. Buona conoscenza nell’uso di software specifici come PDquest (BioRad) per la quantificazione e comparazione di spot in gel ottenuti dopo 2D-elettroforesi. 

 

Descrizione attività:

L'attività di ricerca è concentrata sul ruolo svolto da alcune protein-chinasi attivate da secondi messaggeri lipidici, quali le chinasi PDK-1, Akt/PKB e PKC, sia a livello citoplasmatico che nucleare, in risposta a stimoli specifici. In particolare, lo studio e’ focalizzato  sul meccanismo di trasduzione del segnale a valle dell’asse PI3K/Akt: i) nel meccanismo di segnale dell’Interleuchina 1; ii) di TRAIL (TNF-Related Apoptosis-Inducing ligand); iii) nel rimodellamento del citoscheletro actinico in seguito a stimolo insulinico. 

Un'altra linea di ricerca si occupa dello studio dei meccanismi molecolari alla base delle patologie causate da mutazioni del gene della Lamina A/C (laminopatie), dello studio del processamento e della maturazione della Lamina A nelle laminopatie, e dell’analisi delle sue interazioni con mediatori proteici e DNA.

Molto recentemente, il nostro laboratorio ha messo a punto alcune tecniche di proteomica funzionale che hanno portato all’identificazione di  nuovi partner di legame e/o substrati della chinasi Akt. Brevemente, queste tecniche prevedono l’uso di anticorpi (definiti fosfo-anticorpi), sviluppati contro le sequenze consenso di particolari protein-chinasi fosforilate su aminoacidi specifici, generalmente Serine o Treonine. La proteina fosforilata, identificata dall’anticorpo viene quindi excisa dalle maglie del gel e sottoposta a digestione triptica. I digeriti vengono poi sottoposti a tecniche di LC-MS/MS (Liquid chromatography-mass spectrometry) e successivamente ad un’attenta analisi computazionale attraverso cui sarà possibile, infine attribuire un nome alla proteina isolata.

Questi studi hanno portato, ad esempio, all’identificazione della Lamina A come substrato della chinasi Akt. Questo ha permesso di stabilire l’esistenza di un legame funzionale tra un componente centrale della struttura nucleare, quale la Lamina A, ed Akt, noto per essere un regolatore fondamentale di numerosi signaling pathways. Inoltre, per la prima volta, questi studi hanno permesso di individuare una corrispondenza tra la mancata fosforilazione della Lamina in patologie muscolari.

Una linea di ricerca, avviata in collaborazione con l’Università di Bologna, si occupa dello studio del ruolo dell’enzima Akt e dei suoi substrati nucleari in linee cellulari linfoblastoidi (CEM), o affette da leucemia mieloide acuta (HL60), oppure in precursori emopoietici ottenuti da pazienti controllo e affetti da sindrome mielodisplastica.

Un ruolo importante ha svolto, in passato lo studio della regolazione della PKC epsilon ed al coinvolgimento delle PKC zeta e lambda nel traffico vescicolare. Le metodiche di laboratorio impiegate coprono un range estremamente ampio e vanno dalla Biologia Cellulare alla Biochimica, dalla Biologia Molecolare alla Microscopia ottica e a fluorescenza.

L’attività scientifica è documentata da pubblicazioni in extenso su riviste internazionali con collegio di referee, da capitoli su libri e da comunicazioni a convegni nazionali ed internazionali.

 

Pubblicazioni

 

Curriculum vitae di Vittoria Cenni


Copyright © 2014 Home