RicercaResearch
 
 
 
 
 
 
 
 
   Ricerca

                                                                                                   


 

La piattaforma MbMM intende proporre un approccio sinergico ed innovativo per lo studio delle patologie umane, combinando le diverse prospettive fornite dalle metodologie disponibili e in questo modo valorizzando le competenze dei singoli Istituti.

L’applicazione di un approccio integrato basato sull’uso combinato di differenti tecnologie e competenze sarà finalizzato ad accelerare i processi per l’identificazione di nuovi potenziali target molecolari coinvolti nelle malattie monogeniche o multifattoriali e facilitare lo sviluppo di strategie terapeutiche innovative. Nel corso del progetto l’approccio metodologico proposto verrà applicato e validato in due specifici ambiti di ricerca:

 

Malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson (PD) è caratterizzata da una progressiva degenerazione di neuroni catecolaminergici della substantia nigra e del locus coeruleus. I principali sintomi sono tremore di riposo, rigidità e bradicinesia. Nel PD si sono studiate le mutazioni genetiche che causano le forme familiari di malattia, il ruolo dei meccanismi neuroinfiammatori, di quelli eccitotossici, del misfolding proteico e altri. Per tale motivo, obiettivo specifico del progetto nel suo focus sulla malattia di Parkinson, è quello di integrare le competenze metodologiche dei vari istituti coinvolti (IBFM, IFC, IGM, IN, ITB), allo scopo di indagarne i meccanismi.

 

Medicina Rigenerativa

La Medicina Rigenerativa (MR) è oggi un settore di punta a livello internazionale che ha registrato un’ accelerazione grazie allo sviluppo di nuove tecnologie quali le Cellule Staminali Pluripotenti Indotte (iPS, induced pluripotent stem cells). Tale tecnologia, perseguita all’interno del CNR Lombardo da tre Istituti facenti parte della piattaforma MbMM (IGM, IN, IRGB), consente di ottenere facilmente dal paziente cellule con proprietà identiche alle cellule staminali embrionali umane, evitando così i problemi etici legati alla distruzione di embrioni. Inoltre, proprio perché vengono ottenute dal singolo paziente, il loro impiego non comporta le problematiche del rigetto.